Rider, il PM Greco: «Assumere 60 mila lavoratori»

opportunità per la somministrazione?

Indagati i rappresentati delle quattro principali aziende di consegne: Glovo, Uber Eats, Just Eat e Deliveroo

Ora, infatti, i rider dovranno essere messi in regola e assunti con un regolare contratto.

Il PM Greco della Procura della Repubblica di Milano ha indagato, perciò, sei rappresentati delle quattro principali aziende di consegne.

Glovo, Uber Eats, Just Eat e Deliveroo hanno, adesso, 90 giorni per adeguare i rapporti di lavoro. leggi la sentenza qui

I rider, nella maggior parte dei casi, sottoscrivono con le aziende un rapporto di lavoro autonomo di tipo occasionale.

Secondo contratto non è previsto il versamento dei contributi da parte delle imprese e nemmeno la maturazione di ferie e trattamento di fine rapporto.

I rider non possono nemmeno godere dell’istituto della malattia e di quello dell’infortunio.

La Procura di Milano ha iniziato le indagini l’anno scorso dopo che alcuni rider erano stati vittime di incidenti stradali. 

I Carabinieri per la tutela del lavoro di Milano, in collaborazione con altre forze di Polizia, hanno allora incontrato 1000 rider in tutta Italia.

«Sono lavoratori inseriti nel ciclo produttivo delle imprese le quali coordinano le loro attività a distanza attraverso un’applicazione sugli smartphone»

«l’indagine ha ratificato che gli operatori rappresentano l’anello fondamentale senza il quale le imprese non possono funzionare».

Da questo scaturisce, secondo la Procura, l’obbligo delle aziende a rispettare il decreto 81/08 in materia di sicurezza sul lavoro.

Tempi Moderni S.p.a. è un’Agenzia per il Lavoro iscritta all’Albo del Ministero del Lavoro (Aut. Min. n. 39/0007802/MA004.A003 del 30 Maggio 2012) attiva su tutto il territorio italiano.

www.tempiodernilavoro.com

  • Condividi questo post

Leave a Comment